prendere-una-decisione-1

Prendere una decisione quando cerchi un corso: cosa ti blocca?

Prendere una decisione “su due piedi” non è mai facile. Lo vediamo ogni giorno, nello sguardo delle persone che vengono a fare il colloquio preliminare per un corso a cui sono interessate: in particolare se questo riguarda corsi professionali come la riflessologia, il qi gong insegnanti oppure  la meditazione.

Tutti noi, nel momento in cui entriamo in un mondo di cui sappiamo poco o nulla, ci muoviamo con cautela e circospezione. Sentiamo il peso della responsabilità di decidere. Vogliamo “fare la cosa giusta“, ma non sappiamo come esserne sicuri.

Forse questo succede anche a te, quando ti stai avvicinando ad una nuova disciplina che ti piacerebbe esplorare. Beh, sappi che sei in buona compagnia.

Oggi noi siamo dalla parte di chi insegna, ma all’inizio abbiamo avuto le tue stesse paure. Per questo le conosciamo bene.

 

Approfondisci
Aprire uno studio di naturopatia: ecco il percorso che devi seguire

 

Le tre paure di chi deve prendere una decisione

 

prendere-una-decisione-2Quando ti trovi di fronte ad una decisione importante (come quella di intraprendere un corso che ti impegna sì in termini personali, ma anche di tempo e di denaro), ti troverai di fronte a tre ostacoli predominanti.

Questi ostacoli (almeno due su tre), riguardano tutte le decisioni significative: comprare casa, metterti in proprio con il lavoro, licenziarti da un posto dove non ti trovi bene, sposarti, convivere o separarti, intraprendere un progetto, esibirti su un palco, ecc.

In questa sede, però, parliamo della scelta di iscriverti ad un corso.

 

 

  • La paura di “fare brutta figura”

 

Chiamiamola con il suo nome. Perchè la definizione “paura del giudizio degli altri” è un po’ asettica, mantiene le distanze. Mentre pensare di “fare brutta figura” brucia di più.

La paura di essere giudicato negativamente dagli altri (amici, familiari ecc.) è un grosso blocco. Pensare che possono sfotterti o criticarti per avere fatto la cosa sbagliata, può congelarti nel dubbio per mesi e farti perdere un mare di belle occasioni.

In questi casi ripenso sempre ad una chiacchierata con un simpatico personaggio esperto di vendita, un giovane 80enne che un giorno disse: “Mia cara, se lei esce per strada e chiede a 10 persone qualunque di dire di lei la prima cosa che viene in mente, 9 di loro diranno qualcosa di negativo. E’ inevitabile, quindi lo prenda come un dato di fatto.”

Farti bloccare dalla paura di essere giudicato è un grosso condizionamento.

Un condizionamento che potrebbe rubarti il futuro.

Pensaci bene prima di accettarlo.

 

  • La paura di “perdere qualcosa”

 

Di solito questa paura riguarda il denaro. E’ il timore, molto concreto nella testa e nelle emozioni, di rimanere senza le risorse necessarie per la sopravvivenza.

Per questo motivo molte persone scelgono corsi meno importanti o meno professionalizzanti: perchè costano meno degli altri. Perchè le tolgono dalla paura di perdere qualcosa di importante.

Tuttavia, un corso meno “impegnativo” porta anche meno risultati, a volte nessuno. La paura di perdere denaro, quindi, ti fa perdere qualcosa di più: sia il denaro (perchè spendere per qualcosa che vale poco è uno spreco garantito), sia il valore.

Se vuoi veramente ottenere quel valore, dovrai accettare il rischio di perdere qualcosa. Oppure rimarrai incastrato in questo dilemma per il resto della vita, chiedendoti “come sarebbe stato se”…

 

Approfondisci
Personal trainer , una figura professionale in evoluzione

 

  • La paura di “prendere una fregatura” (facendo anche brutta figura)

 

Le notizie su truffe e raggiri arrivano ogni giorno su computer, cellulari, tv, radio… è un bombardamento mediatico. Il che potrebbe farti pensare che un’attività su due è disonesta. Ma non è così. La maggioranza delle attività è pulita.

Solo che non te lo dicono. L’onestà non fa notizia.

Può capitarti di essere raggirato? Eccome. Ma non è chiudendoti in casa che potrai evitarlo con certezza. Non è rifiutando le opportunità che potrai rimanere al sicuro.

  • Se vuoi cambiare in meglio la tua vita,
  • se fra cinque anni vuoi  sapere di poter vivere una realtà più allineata con i tuoi sogni,
  • se hai un progetto che vorresti vedere realizzato…

pensa che questa potrà essere la volta buona. La volta buona per smettere di lamentarti della sfortuna, della crisi, dei problemi, ecc. e cominciare ad occupare il tuo tempo realizzando progetti seri e concreti. Progetti che ti renderanno felice e fiero di te stesso.

 

Il grande insegnamento del Maestro Yoda

 

prendere-una-decisione-4” Ci proverò”: è una delle frasi fuorvianti ed autosabotanti che abbiamo sentito usare più spesso. E’ come dire “no”, ma senza ammetterlo apertamente.

Quando prendi una decisione sul tuo futuro, in questo caso (per esempio) su un corso che ti renderà ufficialmente Operatore Olistico o del Benessere, non serve tergiversare. Serve muoversi.

Segui l’insegnamento del Maestro Yoda di Guerre Stellari:

“Provare no! Fare, o non fare! Non esiste provare!”

 

Deborah Nappi  e  Vincenzo Cesale

Due Cieli

 

Spread the love